Aosta in vetrina!


Il nostro biglietto da visita sul portale ufficiale del Ministero del Turismo!

L’assessorato regionale alla Cultura sarà presente al Salone dell’Arte, del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali che si svolgerà a Ferrara dal 24 al 27 marzo. Così motiva la partecipazione il nostro assessore, Laurent Viérin: “Il salone  è un’importante vetrina per presentare e promuovere il ricco patrimonio culturale della Valle d’Aosta e tutte le numerose attività organizzate dall’Assessorato. La partecipazione a questa manifestazione testimonia, inoltre, l’importanza attribuita dall’Assessorato agli interventi di restauro quale fase necessaria e propedeutica alla conservazione e valorizzazione del patrimonio, nella consapevolezza che una valida progettualità è indispensabile per restituire alla comunità i beni culturali presenti sul territorio». Il nostro ragazzo forse non sa che sul sito http://www.italia.it/it/scopri-litalia/valle-daosta/poi/aosta.html, il portale ufficiale del Ministero del Turismo, della nostra città compare un’unica foto: piazza Giovanni XXIII, in parte coperta dai capannoni per gli scavi archeologici, in parte attraversata dai cavi, in parte occupata da pseudo chalets. Il restauro è importante, certo, ma diventa un incubo se non ha mai fine! La piazza è impraticabile da quanti anni? E da quanti anni sono in fase di restauro le statue della Cattedrale? Il nostro assessore non può saperlo, era troppo piccolo!

Condividi su Facebook:

Explore posts in the same categories: Battaglia, Degrado urbano, Domande, Folclore valdostano, Politica culturale, Uomini politici

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “Aosta in vetrina!”

  1. Aostrano Says:

    Piazza? Ma quale piazza?!
    Quello della cattedrale e’ un parcheggio semi-privato.

  2. marburg Says:

    Da aggiungere che la foto è tratta dalle pagine del turismo del sito della Regione VdA. Ciò la dice lunga sulla sensibilità estetica dei nostri. Il dramma è che anche gli aostani paiono non vedere l’incuria che regna nella nostra città, salvo poi decantare le bellezze delle villes françaises alle quali dovremmo culturalmente ed etnicamente ispirarci.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: