Si aprono le danze


E’ iniziata la campagna elettorale e Guido Grimod, Primo cittadino di Aosta, ce la mette tutta per assicurare agli amici del PD un posto nella prossima tavola, alias Giunta comunale. Lo fa pubblicizzando la sua soddisfazione per le attività svolte dall’attuale maggioranza; un segnale inequivocabile ai vertici del suo partito tentati a destra. Anche Donzel è preoccupato per l’inversione di marcia dell’UV. Si dichiara paladino dei sani principi della sinistra quali solidarietà, etica, morale e balle varie. Sì, perché dalla bocca di un politico come il Raimondo, certi inalienabili valori, acquistano l’insipienza di una bolla di sapone. Nell’intervista al segretario del PD, sul blog VdA Today , Donzel dichiara esplicitamente il suo amore verso le attuali forze di governo: “Non ci stiamo con chi vede dietro all’Union solo clientelismo, dietro a Stella Alpina degli opportunisti e dietro a Fédération dei farabutti. Per questo dialoghiamo anche con questi movimenti, proprio perché vorremmo evitare di consegnare per 20 o 30 anni le amministrazioni comunale e regionale in mano alla destra. A questa destra». Noi, meschini di Patuasia news, osiamo chiedergli: e i decenni trascorsi con quello che lei probabilmente definisce il centrosinistra, dove ci hanno portati? La città governata anche da voi che razza di città è diventata? Possibile che a lei basti un marchio per difendere l’operato del suo partito? Noi, invece,crediamo che non basti più. L’appartenenza a una storica cultura del passato è, appunto, un retaggio del passato: i conti si fanno oggi. E oggi il PD valdostano si dimostra ancora asservito al padrone UV. Per non consegnare la Valle e il capoluogo al centrodestra occorre una vera alternativa capace, finalmente, di creare un’alternanza di governo.  Consegnare l’Union all’opposizione darebbe un respiro democratico a questa povera terra consumata da un regime di potere chiuso e asfittico, per non dire mafioso e clientelare (ops l’ho detto!).

____________________________________
Condividi su Facebook:

Explore posts in the same categories: Commenti vari, Politica valdostana, Uomini politici

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

9 commenti su “Si aprono le danze”

  1. mistery Says:

    ”Non ci stiamo con chi vede dietro all’Union solo clientelismo, dietro a Stella Alpina degli opportunisti e dietro a Fédération dei farabutti”. Però! Raimondone ci ha azzeccato: per ognuno dei tre partiti ha trovato proprio l’aggettivo perfetto!

  2. emilio Says:

    O UV(A) O UV(B) E’ SIMPATICO QUESTO TEATRINO.
    scusate ma da questo articolo non si capisce quale sarebbe l’alternativa … VdAVive e RV? ovvero tutti ex-Unionisti??? la scelta è ardua non v’è dubbio, però permettetemi una citazione:
    “UHA UHAA UHAAA UHAA UHA UHAAA UHAA UHA!”

  3. patuasia Says:

    Scusa Emilio, pensavo che l’alternativa a cui facevo riferimento fosse scontata. Non ci sono solo gli ex unionisti (già essere un ex è qualcosa), ma la sinistra ambientalista e progressista, insomma la forza politica che comunemente viene chiamata Galletto.
    Uha Uhaa Uhaaa una citazione? Ma è fantastico!

  4. Babaluba Says:

    La malafede dell’ineffabile Donzellino è evidente. Direi urticante, per quanto è intrisa di falsità. Indica una minaccia inesistente (la “destra”, che non ha mai governato in Valle né governerà, vista la sua consistenza elettorale, che non ha nulla a che vedere con le percentuali nazionali) e omette la vera minaccia: la persistenza del nefasto regime unionista, ora, come nel passato, puntellato dai nuovi-antichi servi del Pci-Pds-Ds-Pd.

  5. Babaluba Says:

    La malafede del Mastella de nosatre è evidente. Indica una minaccia inesistente (la “destra”, che non ha mai governato in Valle né governerà, visto che la sua consistenza elettorale non ha nulla a che vedere con le percentuali nazionali) e omette la vera minaccia: la persistenza del regime unionista, ora, come nel passato diessino, puntellato dai nuovi-antichi servi del Pci-pds-Ds-Pd.

  6. Babaluba Says:

    La malafede del Donzellino è evidente. Indica una minaccia inesistente (la “destra”, che non ha mai governato in Valle né governerà, visto che la sua consistenza elettorale non ha nulla a che vedere con le percentuali nazionali) e omette la vera minaccia: la persistenza del regime unionista, ora, come nel passato diessino, puntellato dai nuovi-antichi servi del Pci-pds-Ds-Pd.

  7. patuasia Says:

    Quella della minaccia è una tattica imparata dall’Union: con tutti gli anni trascorsi insieme i vizi diventano comuni.

  8. bruno courthoud Says:

    i P(i) e D(i)ni devono pur, in qualche modo, giustificare la loro scelta. Non possono mica dire tout court che l’amplesso con l’UV li fa godere!
    Che poi l’UV governi Aosta con il PDL o con il PDmenoelle, c’est la meme chose (forse qualche incarico e qualche progettazione in meno).

  9. Vincenzo Says:

    I P(i)e(D)ini avranno le loro briciole.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: