Tristezza, per favore va via


L'ultima ruota del carro!

L'ultima ruota del carro!

E’ la tristezza il sentimento che mi ha preso per il collo e mi ha fatto andare in apnea. Quasi soffocavo. Ma l’avete vista la nostra bella piazza neoclassica trasformata, in occasione di quella strampalata Festa della Valle d’Aosta, in un pollaio? Non vi ha preso lo sconforto? Sarà una vasca di sabbia, quattro o cinque pagodine sporche, gli striscioni rabberciati degli sponsor, una bancarella di dolciumi in overdose di coloranti, un palco fatiscente, uno scivolo di plastica e Bugs Bunny, il coniglio di Brooklyn, a conferire dignità culturale alla nostra Regione? No! Questa Festa prova, in modo insindacabile, assoluta assenza di cultura. Nessun amore e nessun rispetto per la propria terra. Un vuoto di valori che alimenta e si alimenta di ignoranza: una garanzia per far rimanere in groppa i nostri governanti unionisti. Le ho sentite le squadre partecipanti ai Giochi della Valle d’Aosta (quattro gatti in divisine di poliestere che scopiazzavano Giochi senza Frontiere), urlare i loro slogans da stadio. Giovani ultras dell’Union con la vocazione della sbornia, accompagnati dalla Banda municipale: un mix strappalacrime. Troppa tristezza. Troppo squallore. Eppure, è su questa disarmante povertà che il Regime consolida le sue fondamenta.

La squallida plagiatura dei Giochi ci è costata 100.000 euro!

GUARDATE IL NUOVO REPORTAGE NELL’ALBUM DI PATUASIA!

Explore posts in the same categories: Artisti in provincia, Folclore valdostano, Politica culturale

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “Tristezza, per favore va via”

  1. bruno courthoud Says:

    a completare il quadro, quest’anno i coscritti ubriachi non c’erano? Non è stato premiato il miglior allestimento?

  2. Frank Says:

    Questo forse ce lo hanno risparmiato, non ho fatto caso…

    Ma poi mi chiedo: si chiama Festa della VALLE D’AOSTA…
    Ma c’era qualcosa di VALDOSTANO in questa festa? Perché venivano offerti dolciumi industriali e non prodotti tipici, per dire?
    Perché sfilavano per le vie della città i “popoli minoritari”?? Cosa hanno di valdostano??
    Perché gli artisti di strada?? (per altro di quarta categoria)…
    Perché Bugs Bunny?
    Questa festa è nata e continua ad essere un mix senza senso e disordinato, partorito dalla pochezza intellettuale della nostra classe dirigente…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: