Archivio per agosto 2009

SdC ascolta il consiglio…

13 agosto 2009

Con tutto il rispetto per le iniziative svolte in modo brillante, prima fra tutte il Festival del cinema muto musicato dal vivo, consigliamo all’Associazione organizzatrice di attualizzare il proprio marchio. Date le numerose attività in cartellone che nascono dalla necessità di riempire gli spazi lasciati vuoti (sic!) e che ricoprono l’intero panorama culturale-espressivo-enogastronomico, proponiamo di sostituire “Strade del Cinema” con il più appropriato “Tentacoli del Cinema”. Convinti che il consiglio sia ascoltato.

Panza fa rima con eleganza!

11 agosto 2009

Grasso fa schifo!

Grasso fa schifo!

Ecco il piccolo, ma rivelatore di quanto grasso circoli in giro, reportage promesso. Cliccate qui per accedere all’album di Patuasia e, se volete, scrivete i vostri commenti.

 

Domenica di agosto

11 agosto 2009
Monossido di carbonio, un ingrendiente valdostano doc!

Monossido di carbonio, un ingrendiente valdostano doc!

Ieri sembravano 50.000 i visitatori della Foire d’été; oggi, invece, la manifestazione di artigianato risulta essere stata un mezzo flop: misteri del giornalismo. In ogni caso la costante che l’ha contraddistinta è la stupidità con cui è stata organizzata. La Giunta regionale (cioè Lui) ha deliberato che la Foire venisse inaugurata nel pomeriggio di domenica, saltando il sabato e la conseguente veillà: questione di risparmio in tempi di crisi! Una morigeratezza assai comica, se valutiamo i numerosi disastri economici che ci caratterizzano da tempo. Così, durante l’aperitivo, il pranzo e il caffé, carovane di auto e furgoncini hanno dato il loro contributo per rendere più appetitoso il pranzo dei turisti. Sono stata presente e lo spettacolo, vi assicuro, era veramente desolante, niente di più lontano dal concetto di sana ospitalità. E noi di ospitalità dovremmo campare… .

Se vuoi vedere di più clicca qui e vai alle foto nell’album di Patuasia

Da che pulpito!

7 agosto 2009
Il pericolo numero UNO!

Il pericolo numero UNO!

Il signor Follien, assessore comunale alle Opere Pubbliche, si stupisce che i ggiovani abbiano imbrattato i muri della scalinata di piazza Narbonne solo dopo una settimana dalla loro costosa pulitura: cosa dovevano aspettare? Il muro-lavagna era tirato a nuovo, perfetto per ospitare nuove grafico-scemenze, dunque perché meravigliarsi? Dopotutto, lui che ricopre una carica di responsabilità, che razza di esempi ha dato ultimamente ai suoi concittadini? Obbligarli in forzose gimkane per utilizzare un ponte inutile non è forse un atto altrettanto scellerato? E oltraggiare la città con l’asfalto, cancellando anni di storia, non è peggio di una dichiarazione d’amore scritta su un muro? Se contiamo le nefandezze compiute contro la nostra città, possiamo stare certi che il peso delle responsabilità grava molto di più sulle spalle dell’amministrazione pubblica che non su quelle di un gruppetto di adolescenti maleducati.

Lui chi è?

5 agosto 2009

Obama va in vacanza, ma Rollandin resta a casa. TROPPI IMPEGNI! E’ possibile che l’uomo più potente del Pianeta possa concedersi un meritato riposo e godersi le gioie della famiglia e l’uomo più potente della più piccola regione italiana, totalmente sconosciuta nel resto del mondo, no? E’ possibile. Il nostro Presidente, infatti, ha dichiarato che le pesanti responsabilità e i numerosi impegni gli impediscono di riposare come fanno tutti (ma è peggio del Berlusca!). Conosciamo bene l’abitudine paterna di Augusto a voler risolvere di persona i problemi della ggente, così, durante quelle che avrebbero dovuto essere le sue vacanze,  lo vedremo aggiustare la lavatrice del signor Tizio, falciare il prato del signor Caio, portare a spasso i cani della signorina Pinco e innaffiare i gerani della signora Pallino. Come potremmo mai vivere senza di lui!

Grasso fa schifo!

2 agosto 2009
Donna grassa, danno grosso!

Donna grassa, danno grosso!

Con questo articolo Patuasia news inizia la sua battaglia contro il grasso in eccesso: ce n’è troppo! Guardatevi in giro e vi renderete facilmente conto di quante persone abbiano perso di vista la loro dignità per inseguire i capricci del palato. Perché di capricci si tratta. Solo il 2% dei grassoni soffre di disturbi fisici che dilatano autonomamente i confini naturali del loro corpo, tutti gli altri sbordano perché MANGIANO TROPPO! Si potrebbe dire che magari sono così perchè subiscono problemi di tipo psicologico… , ma chi non ne ha! Quello che viene a mancare, ancora una volta, è il senso della responsabilità individuale. Quella meravigliosa facoltà che fa di un essere umano un essere umano. (Non intendiamo il super-eroe, ma colui che sa governare, per quello che gli è possibile, la propria vita.). Mangiare meno e meglio non è difficile, lo possono fare tutti, proprio tutti! Inseguire il piacere del palato, trascurando le conseguenze, è infantile, egoistico, irresponsabile, dannoso per  sé e per la collettività, esattamente come lo è il piacere del fumo, viaggiare sbronzi nella notte, possedere un SUV… . I grassoni pesano sulle casse della sanità, occupano spazio, creano problemi e solo per poter essere liberi di ingurgitare grassi idrogenati a ogni ora. Noi, libertar-liberali di Patuasia news, non siamo contrari a questo tipo di libertà, chiediamo solo che abbia il suo giusto prezzo. Pesi doppio? Paghi doppio! Per gli inevitabili costi sociali, per il disagio (provate a fare un viaggio aereo con un obeso al vostro fianco) che viene creato a coloro che invece sanno rinunciare agli sfizi quotidiani per mantenersi in salute (che significa, nel privato, non alterare la gioia di vivere ai familiari). Perché io che guido con prudenza, devo crepare a causa dei gozzovigli notturni di un altro? Che poi viene accusato di omicidio colposo il che lo libera dalla responsabilità? Perché, con la mia utilitaria, non riesco a trovare un parcheggio a causa di un SUV che ne occupa due? Perché devo subire il disagio di un gomito enorme davanti al naso, durante uno spettacolo? Sembra proprio che nella nostra società più ti allontani dal dovere e più acquisti diritti. Noi, invece, proponiamo che ogni scelta che oltrepassi il limite del buon senso, debba essere PAGATA! Se con l’educazione non si arriva da nessuna parte, con le sanzioni forse sì (un metodo educativo di indiscussa efficacia, se applicato!). Tanto vale sperimentare.