La Stampa confusa


Evidentemente la correzione delle bozze è pratica fuori uso: troppa sicurezza? Poco tempo? Gli errori, le contraddizioni, per non parlare dello stile spesso confuso (voluto?) e contorto (voluto?), che si riscontrano sulle pagine dei quotidiani, soprattutto locali, non sono certo una novità, ma non per questo si deve lasciar perdere. La chiarezza dell’informazione è uno dei tanti obblighi professionali di un giornalista, se questi poi scrive su un quotidiano nazionale e importante come La Stampa, la serietà deve essere a tuttotondo. (Con questo non voglio giustificare le tante belinate che si leggono nei settimanali locali, ma lì spesso praticano giovincelli alle prime armi ai quali si può storcere il naso). Riguardo al Referendum, oggi La Stampa titolava un articolo, a firma di Daniele Mammoliti, “Maggioranza e Galletto per una volta d’accordo: votate due sì e un no”. Peccato che sia esattamente il contrario: votate due no e un sì! Infatti, se uno poi l’articolo se lo va a leggere (ma sono pochi quelli che lo fanno, ancor meno quelli che vanno oltre ai titoli), scopre la contraddizione e rimane basito. Pazienza per gli errori di grammatica (anche se…), ma confondere le idee invece di chiarirle  non è un po’ troppo?

Explore posts in the same categories: Critica

Tag: ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

7 commenti su “La Stampa confusa”

  1. emilio Says:

    ho letto l’articolo in questione e sinceramente non ho capito dove stia l’inesattezza che tu rimarchi … si parla delle posizioni di Maggioranza (Regionale) e Galletto sui Referendum, che mi sembrano identiche: partecipare al voto, 2 NO, 1 SI, se si esclude la posizione di Caveri che era stato tra i firmatari per l’effettuazione dei Referendum ed è per i 3 SI, come il PD e per questo d’ora in avanti verrà tacciato come filo-democratico … :))) ovviamente scherzo, ma neanche troppo e mi chiedo come sarebbe andata a finire se la stessa cosa l’avesse detta il PD …

  2. emilio Says:

    scusa, ma devo aver preso un abbaglio causa temperatura … adesso ho messo a fuoco che l’inversione era sui SI e NO e non sul fatto che Galletto e Maggioranza dicessero le stesse cose … 🙂
    pardon!!!

  3. Daniele Mammoliti Says:

    Mi sfugge la ragione per la quale il/la cortese Mousseauchocolat, che fino a prova contraria non ho il piacere di conoscere, voglia a tutti costi farmi passare per ignorante, tra allusioni e qualunquistici riferimenti a presunti errori di grammatica. Per sua sua stessa ammissione, l’articolo da me firmato è corretto. La mia messa alla berlina, con tanto di nome in grassetto, mi sembra una gentilezza financo eccessiva.
    Con immutata stima.
    Daniele Mammoliti

  4. moussechocolat Says:

    Gentile Signor Mammoliti, non mi pare che dal mio post trasudi cattiveria nei suoi confronti tanto da metterla alla berlina, si tratta di una semplice e doverosa osservazione di una lettrice de La Stampa in cerca di informazioni riguardo al referendum. Il fatto che un titolo riporti una notizia smentita in seguito dall’articolo è una grave disattenzione da parte del firmatario. Prenda il post per quello che è: un consiglio di maggior cura e rispetto nei confronti dei tanti lettori che contribuiscono al suo sostentamento.

  5. Daniele Mammoliti Says:

    Un errore è un errore e su questo non c’è dubbio. Quello di cui lei parla, egregia signora mousseauchocolat, è di quelli particolarmente antipatici. Ma gli errori capitano ad ogni essere umano. Anche a lei, quando scrive che “una notizia smentita in seguito dall’articolo è una grave disattenzione da parte del firmatario”. Il quale, però, firma l’articolo, non il titolo. Prendo il post per quello che è: una lezioncina di giornalismo impartita da chi non ha la minima idea di come un giornale venga realizzato. Seguirò comunque il consiglio di avere maggior cura e rispetto, che non fa mai male. Ma lo segua anche lei. Così eviterà di prendersela con il fotografo quando una foto viene pubblicata con la didascalia sbagliata.

  6. moussechocolat Says:

    Mio caro, in quanto semplice lettrice non sono tenuta a conoscere le sfumature del suo mestiere; non c’è firma sotto ai titoli, ma sotto agli articoli, dunque a lei mi sono rivolta. Diriga quindi la sua acrimonia verso il responsabile e non verso chi non ha nessuna intenzione di impartirle lezioni di giornalismo, ma si sente in dovere di difendere il proprio diritto a una informazione corretta.

  7. Daniele Mammoliti Says:

    Basterebbe chiedere scusa, sa? La cosa finirebbe qui e non cadremmo nel ridicolo. In quanto semplice lettrice non si ritiene tenuta a conoscere le sfumature del mio mestiere, ma si arroga il diritto di insolentire a destra e a manca. Per di più dietro anonimato. Guardi che non è molto serio. E lo dico a malincuore, visto che il vostro blog spicca solitamente per intelligenza e acume nel panorama locale.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: